Meeting presso Four Points by Sheraton Bolzano

Via Bruno Buozzi, 35  •  39100 Bolzano  •  IT  •  Telefono: ‎(39)(0471) 1950000
Contatti: Matthias Perathoner, matthias.perathoner@fourpointsbolzano.it, Director of Sales and Marketing, ‎+39 0471 1950 012
Lingua

Alto Adige

Nel cuore delle Dolomiti

L'Alto Adige-Südtirol è la provincia più a nord d'Italia e Bolzano è il suo capoluogo.

Confina con Austria, Svizzera e con il Trentino, con il quale costituisce la regione Trentino-Alto Adige.

E' il luogo perfetto sia per chi è alla ricerca dell'avventura sia per chi ha voglia di rilassarsi.

Sono moltissime le attività che possono essere svolte in questa regione: trekking, passeggiate all'aria aperta, cavalcate, scii, visite culturali presso musei, castelli, chiese e conventi.

Qui, potrete lasciarvi deliziare dalle proposte eno-gastronomiche dei ristoranti stellati Michelin e godervi la natura circostante e i paesaggi mozzafiato.

 

Qualche cenno storico

Grazie alla scoperta di Ötzi, la celebre mummia del Similaun conosciuta anche come l’uomo venuto dal ghiaccio 5.300 anni, è stato possibile stabilire che l'attuale Alto Adige/Südtirol fu abitato dall'uomo preistorico a partire dal mesolitico.

Al 590 d.C risale la germanizzazione dell’area da parte dei Bavari che annessero l'Alto Adige/Suedtirol al Ducato di Baviera facendola diventare una regione prettamente tedesca.

 

Nel 774 d.C. fu la volta dei francesi. Per opera di Carlo Magno la regione entrò a far parte del regno dei Franchi.

L' Imperatore Ottone del Sacro Romano Impero decise di suddividere la zona in due parti e di attribuire una metà al vescovo di Trento e l’altra al vescovo di Bressanone.

Nel 1.300 la regione passò sotto gli Asburgo e intorno al 1.650 sotto il controllo di Vienna. 

Durante gli anni di Napoleone e della dominazione francese venne attribuita alla terra la denominazione di Alto Adige, controllato da Baviera, Austria e Regno d'Italia napoleonico. Al termine della Prima Guerra Mondiale il Regno d'Italia inglobò il territorio.

Attualmente in Alto Adige vivono circa 500.000 persone e si parlano tre lingue: tedesco, italiano e ladino

 

Folklore

Usanze e tradizioni

Ogni anno, da più di 25 anni, si tiene nel mese di maggio la celebre Cavalcata di Oswald von Wolkenstein, una competizione a cavallo tra squadre provenienti da Castelrotto, Siusi e Fiè allo Sciliar.

Ciascun partecipante deve superare diverse prove tra cui: il passaggio degli anelli, il galoppo con ostacoli, il labirinto e il passaggio fra porte. 

Tra le tante attività folkloristiche dell’Alto Adige una particolare menzione va ai giochi medievali

che hanno luogo ogni anno, nel mese di Agosto, per la gioia dei moltissimi spettatori che, in occasione di questi eventi, rivivono l’epoca medievale.

Si contano circa 211 bande musicali, in tedesco Musikkapelle, che allietano con i loro strumenti tutti i partecipanti alle feste tradizionali di paese. I tipici costumi, prodotti artigianalmente, differiscono da vallata a vallata e ogni colore ha il suo significato. 

 

Un'altra tradizione che accompagna gli Alto atesini dal 1796 è la Festa del Sacro Cuore di Gesù, frutto di un giuramento fatto dai Tirolesi in opposizione all’invasione dei soldati francesi in epoca napoleonica.

Ogni anno, la prima domenica successiva al Corpus Domini, vengono accesi grandi fuochi sulle montagne, per uno spettacolo imperdibile.

 

Cosa visitare?

Musei, castelli, chiese e conventi



 

  • Duomo e Chiostro di Bressanone
  • La Collegiata
  • Chiesetta di San Ippolito
  • Antico convento Certosino

 

Le valli e le Alpi

Esplorando il territorio

Photos © Südtirol Marketing / Helmuth Rier